Tag Archives: stanchezza

Stanchezza…

La stanchezza è come la pigrizia: un lusso che ci si può concedere esclusivamente quando si ama solo sé stessi o nessuno.

Io, Alessandro Bruno

Stanchezza…

Anche la mia tristezza è stanca.

Io, Alessandro Bruno

Galleggiare…

Galleggio nella stanchezza per non affogare nell’inerzia.

Io, Alessandro Bruno

Zombie…

C’è in giro gente triste, come le comparse che fanno gli zombie nei film di zombie, che si muovono dondolando e facendo versi come criceti asmatici, perché un oscuro regista gli ha detto di farlo e pensano di essere attori di una finzione. Quando invece, malauguratamente, non recitano. Sono. Ma loro, come gli zombie, non lo sanno. Entrano dalla porta della tua compassione e ti si incollano addosso, come polvere, grigi e lenti, inutili addobbi di plastica, di un Natale passato da anni, che non lampeggiano più. E tu ti sforzi di non vederli, come fossero allucinazioni. Ma sei stanco, tanto, troppo e ti viene in mente il sublime Jean Cocteau che, a 48 anni, fumava 8 pipe di oppio al giorno.
La vera stanchezza, quella che si porta come un ricamo sulla pelle, è, purtroppo, la condanna degli animi troppo diversi: quelli sensibili.

Stanchezza…

Poche cose mi stancano quanto la gente costantemente, perennemente ed ineluttabilmente stanca.

Io, Alessandro Bruno

Rincorrere i sogni…

Sono stanco di rincorrere i miei stessi sogni che lancio sempre troppo lontano.

Io, Alessandro Bruno

Stanchezza…

La vera stanchezza è quando persino il buio ti sembra splendente.

Io, Alessandro Bruno

Guerrieri stanchi…

Non esiste un guerriero debole, esiste solo un guerriero stanco.

Io, Alessandro Bruno

Vacanze…

Vacanze = Stancarsi per scacciare la stanchezza.

Io, Alessandro Bruno

La stanchezza…

La stanchezza è fatta a strati come una roccia sedimentaria. C’è la stanchezza recente, solo nostra, e poi ce n’è una antica, che appartiene a generazioni passate e che si deposita su di noi come polvere di piombo. E questa è la più pesante, che rimane attaccata dentro ed a cui non basta alcun riposo.

Io, Alessandro Bruno