Autoritratto in nero…

Io sono una giostra, un otto volante di curve inclinate e discese a picco, lente ed interminabili risalite trainati da, incerti e cigolanti, cavi d’acciaio pronti a spezzarsi, e poi giù ad una velocità che sobbalza nello stomaco, come vino rosso scadente; silenzi di urla ed occhi pieni di lacrime di vento e capelli liberi e folli. E poi quiete e poi di nuovo turbine. E poi quiete. Folate, violente come grandine, frenate brusche e stridio di gomme. Ma solo per chi ha coraggio. Il resto è mediocrità.
Io sono estenuante, come la vita che ribolle.

Io, Alessandro Bruno

Leave a Reply