Monthly Archives: January 2019

Il respiro…

Il respiro è il regalo più prezioso che ci viene fatto alla nascita. Eppure lo diamo così tanto per scontato che, troppo spesso, accettiamo che qualcuno ci tolga il fiato, ci soffochi, finché non siamo costretti a dare il colpo di reni che ci conservi in vita. Dimenticarsi di respirare è il primo passo per dimenticare di essere vivi.

Io, Alessandro Bruno

Accettazione…

L’accettazione è l’unica macchina del tempo che, magicamente, libera dal, tanto comprensibile quanto inutile, rimpianto del passato o affanno futuro e riporta al presente.

Io, Alessandro Bruno

Perseveranza…

Se stiamo facendo qualcosa che non ci piace, il disprezzo non va diretto a ciò che stiamo facendo ma alla nostra scelta.

Ricordare la calma…

Quando si è abituati al tumulto, violento e straziante, delle tempeste brutali ed angoscianti, la calma la si deve imparare da capo, come in un’amorevole gestazione di sé stessi, per ritornare ad essere come un neonato che respira istintivamente, a cui è sufficiente la vita ed un pò di calore.

Io, Alessandro Bruno

Silenzio…

Il silenzio, da giovani lo si trova, da adulti lo si crea.

Io, Alessandro Bruno

Unità…

Tutto è unità. Contiamo per enumerare le sfaccettature dell’unicità, non per separare.

Io, Alessandro Bruno

La Musica…

La musica è teatro, la sua essenza è nel rito collettivo e sciamanico dell’esecuzione dal vivo. Le registrazioni in studio sono solo le locandine apposte fuori ai tendoni, all’interno dei quali, solo per pochi, operano stregoni che fanno nascere e morire la magia.

Io, Alessandro Bruno

Poesia…

La poesia è nelle scelte irreversibili, nei terreni scomodi, dietro la siepe di un pensiero ardito.

Io, Alessandro Bruno

Cinismo e amor proprio…

Il tempo ci rende cinici ma, così, ci restituisce l’amor proprio. Io, ad esempio, non ho più voglia di fare nessuno sforzo per chi si dimentica o non ne fa per me.


Io, Alessandro Bruno